ALESSANDRO ORATI | CONSULENTE DEL LAVORO | ROMA

INPS: protocollo con il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili


L’Inps ha sottoscritto il Protocollo d’intesa con il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, al fine di individuare soluzioni che agevolino l’accesso dei professionisti e dei loro assististi ai servizi offerti dall’Istituto, nonché di consentire una più rapida e fluida gestione delle attività di imposizione contributiva e riscossione.


Il protocollo è, dunque, finalizzato alla cooperazione tra le Parti orientata al perseguimento del comune obiettivo dell’efficacia dei servizi a vantaggio degli utenti finali, al miglioramento del flusso comunicativo al fine di rendere più agevoli le relazioni istituzionali nello svolgimento dei rispettivi compiti anche mediante l’utilizzo dello strumento di comunicazione bidirezionale quale canale privilegiato di colloquio telematico, infine alla collaborazione nelle azioni di contrasto all’esercizio abusivo della professione, all’evasione e all’elusione contributiva.
L’INPS si impegna ad assicurare la tempestiva definizione delle risposte ai quesiti pervenuti attraverso il cassetto bidirezionale e gli altri canali dedicati, a segnalare tempestivamente e tramite cassetto ¡ singoli errori, i flussi mancanti e le altre anomalie procedurali, nonché ad assicurare consulenza su questioni normative e criticità relative all’applicazione delle disposizioni in materia di obbligo contributivo e riscossione.
L’Ordine e i suoi iscritti si impegnano: ad assicurare il monitoraggio continuo del fascicolo elettronico del contribuente, al fine di avere piena e preventiva conoscenza di tutte le informazioni attinenti al soggetto contribuente mediante la consultazione degli archivi contributivi messi a disposizione dall’Istituto e garantire la corretta gestione degli adempimenti contributivi e di denuncia; a garantire l’esattezza formale e sostanziale dei dati trasmessi con Uniemens, in particolare con riferimento ai codici fiscali dei dipendenti e collaboratori, che devono essere validati dall’Agenzia della Entrate; a comunicare tempestivamente la sospensione dell’attività aziendale per evitare scoperture contributive e comunicare con altrettanta tempestività la ripresa dell’attività mediante l’invio corretto dei flussi Uniemens, per evitare riattivazioni retroattive della matricola aziendale; a rispondere alle comunicazioni che pervengono dalla sede INPS attraverso i canali telematici previsti; a mantenere aggiornati i propri riferimenti (mail, recapiti telefonici, sede, indirizzo PEC) nella piattaforma INPS, per consentire una corretta e rapida comunicazione bidirezionale, nonché aggiornare tempestivamente le deleghe dei contribuenti assistiti e le anagrafiche aziendali dei propri clienti.
L’Inps e il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili si impegnano ad adottare ogni iniziativa utile al corretto esercizio dell’attività di consulenza in materia di lavoro da parte dei soggetti abilitati. A tal fine, concordano di porre in essere ogni azione utile a contrastare e reprimere il fenomeno dell’esercizio abusivo della professione.
L’Istituto verifica che gli iscritti all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, profilati sul portale dell’Istituto in qualità di intermediari abilitati, abbiano effettuato la preventiva comunicazione all’Ispettorato Nazionale del Lavoro con indicazione degli ambiti provinciali in cui sono situate le imprese che hanno affidato la gestione del personale al professionista ed in caso contrario provvede a revocare/sospendere le credenziali di accesso ai servizi INPS.
Considerato l’importante ruolo istituzionale svolto dagli intermediari, l’Ordine si impegna a sensibilizzare i propri iscritti sulla necessità di informare i contribuenti sulle conseguenze negative derivanti dalla violazione delle norme di legge e sui benefici collegati alla regolarità contributiva e al rispetto degli obblighi nascenti dalla legislazione giuslavoristica.
Altresì, l’INPS e l’Ordine si impegnano a collaborare per la prevenzione/repressione del fenomeno del lavoro fittizio, finalizzato all’indebita percezione di prestazioni previdenziali e/o assistenziali.


Attività dello Studio

Le attività dello Studio comprendono il complesso sistema delle attività e obblighi normativi sia per le aziende che per i privati, in un contesto di continuo aggiornamento e approfondimenti

Attività dello Studio

Chi Siamo

Lo Studio Orati è attivo da circa 30 anni. Il titolare dello studio, Rag. Alessandro Orati è iscritto all’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma e svolge la professione di consulente del lavoro

orati-chi-siamo-2s-235x100